L'Ordo Militum Christi Hierosolymitani Templi è nato in pratica nel 1999, dalle ceneri dell'Ordine Internazionale del Tempio, ormai non più esistente. Quest'ultimo Ordine, che aveva origini in Portogallo, si è frantumato in una miriade di altre organizzazioni, dopo che per lotte di potere interne, di brogli, di battaglie intestine e quant'altro ha cessato di esistere come organizzazione templare vera e propria. Da quest'Ordine, come detto, si sono formate tantissime altre organizzazioni, la maggioranza delle quali sorte dalla sera alla mattina e morte il giorno successivo, altre che sono ancora esistenti ma che di templare hanno assai poco o addirittura niente. Persone espulse dall'Ordine Internazionale che ne hanno fondati altri, infischiandosene altamente delle espulsioni stesse e che ancora oggi proclamano la loro "unicità" ben sapendo di essere nella menzogna più assoluta. Senza fare nomi, in ossequio alla legge sulla privacy ed in quanto non vogliamo offendere nessuno, ma pur dicendo la più pura verità, vi sono organizzazioni che mirano soltanto al denaro, altre che si sono date culti esoterici, altre che sono addirittura "acristiche" ed "acattoliche", altre che hanno un fine benefico solo per le proprie tasche ed altre ancora che sono divenute vere e proprie sette. C'è chi propugna la libertà dalla Chiesa Cattolica, chi invece grida ai quattro venti che lavora per la pace mondiale senza un filo di verità, chi in silenzio e senza troppi clamori ha trovato il modo di rimpinguare le proprie finanze. Altri ancora che dietro un "amore" falso e menzognero nascondono la circonvenzione di persone a tutti i livelli, trasformando il tanto propugnato "amore" in assoluta dittatura. Altri infine che hanno trasformato in qualche modo le loro congreghe, che nulla hanno di templare, addirittura in sette sataniche pericolose. Tutte queste organizzazioni e le cose che sbandierano sono soltanto fandonie senza senso, che prima o poi verranno a galla con buona pace di tutti e per il trionfo della verità. Persone senza scrupoli, facenti parte di queste organizzazioni che non osiamo neanche definire templari, persone che nella vita di tutti i giorni appaiono "potenti" per le loro conoscenze a livello politico e quant'altro, non sanno che la loro "potenza" è effimera, non vale a nulla, perché nulla vi è di più potente se non il Signore, per il quale noi operiamo e lavoriamo. La verità come sappiamo è sempre la più lenta ad arrivare, ma quando giunge, tutto distrugge e tutto appiana. Noi, come detto, anche se li conosciamo benissimo, uno ad uno, non facciamo nomi, perché non abbiamo tempo da perdere nelle aule dei tribunali cui si appellerebbero negli sforzi disperati di far apparire quello che non è. E poi anche perché noi non abbiamo nemici. Forse alcuni di questi si considerano nostri nemici, ma allora è un loro problema, non nostro. Noi non li consideriamo nemici, ma alcuni soltanto fratelli smarriti in cerca della verità, altri, invece, soltanto poveracci che tutto vogliono e che nulla stringeranno. Anche se noi non siamo certo i depositari della verità assoluta, possiamo dire senza tema di essere smentiti di essere coloro che più si avvicinano a quello che era l'antico Ordine del Tempio, rispettandone la Regola e tutti i suoi intendimenti, seppure in chiave moderna. Tutti coloro che affermano di essere i veri templari, o i veri discendenti dell'antico Ordine sbagliano e di grosso. Nessuno, nemmeno noi, può affermare di essere il vero prosecutore dell'antico Ordine del Tempio. Sono le idee che contano, non le parole, sono gli ideali templari che contano, non le persone che si nascondono dietro questi ideali per fare i loro comodi, e ne conosciamo, come detto, tante. Forse troppe. 

Noi siamo così. Che piaccia o no, che ci si creda o meno. Siamo coloro che più cercano di avvicinarsi alla vera idea templare, a ciò che gli antichi confratelli del Tempio facevano ed operavano. Carità, fratellanza, tolleranza, bontà, amore. Sono queste le nostre parole d'ordine, assieme a disciplina, rispetto, umiltà. Noi siamo alla totale sottomissione e obbedienza a Santa Madre Chiesa Cattolica ed Apostolica di Roma e a Sua Santità il Papa, con dichiarazione scritta che è da tempo in possesso sia di Sua Santità il Sommo Pontefice che della Segreteria di Stato Vaticana, di cui parliamo in altra pagina di questo sito. E siamo l'unico e ci preme sottolineare l'unico Ordine ad averlo fatto. Nessun altro Ordine del Tempio o presunto, nei tempi moderni ha mai fatto Atto Solenne di Sottomissione a Santa Romana Chiesa Cattolica ed Apostolica. Noi si. A noi non interessa la vendetta contro la Chiesa, a noi interessa che sia resa giustizia all'Ordine del Tempio. E noi, nel più puro spirito templare, abbiamo perdonato tutto il male fatto all'antico Ordine, ai nostri confratelli. Ci siamo arrogati questo diritto come templari, come coloro che cercano di proseguire sul loro cammino, abbiamo osato perdonare in loro nome, e siamo certi che loro, dall'Alto dei Cieli, sono d'accordo con noi.

Quando noi, che facevamo parte di una delle sopra citate organizzazioni, ci siamo accorti che questa organizzazione tutto aveva meno che di templare, abbiamo con dignità abbandonato quella strada, rimettendo le nostre dimissioni, poi, colmo dei colmi e nella più vergognosa falsità, trasformate in decreti di espulsione a noi mai giunti né visti, appunto perché spudoratamente falsi, così come era spudoratamente falsa l'organizzazione e falsi e spudorati gli uomini che hanno emesso tali scritti, sempre che lo abbiano fatto, in quanto non ci risulta. Con le nostre dimissioni, abbiamo lasciato che tutti coloro che si comportano in tale modo proseguano sulla via della rovina e della discordia. Abbiamo così deciso di ridare vita a quell'Ordine Internazionale del Tempio che ormai era incenerito. E come l'Araba Fenice, che risorge dalle proprie ceneri, ci siamo stretti tutti insieme, noi che ci sentiamo templari fino al midollo.

Partendo così dalla Scozia, terra templare per eccellenza, siamo riusciti nell'intento di rifondare l'Ordine Internazionale, radunando tutti coloro che hanno dimostrato vero spirito templare, umiltà e fedeltà a quelli che sono appunto i più alti principi templari. Così, in pochi anni, centinaia di cavalieri e di dame, di scudieri e di ancelle sono confluiti nel nostro Ordine, provenienti da tutte le parti d'Europa. E così, continuiamo a lavorare per la Gloria dell'Onnipotente e non per la nostra, propugnando il puro spirito templare, fatto di dedizione alla Croce del Cristo e seguendo i Suoi insegnamenti, fatto di amore e di fratellanza, senza mai tirarci indietro da ogni battaglia in nome del Cristo. L'Ordine ha avuto attacchi anche violentissimi da parte di alcune delle citate organizzazioni, attacchi pregni di urlanti menzogne ed offese anche personali, tendenti soltanto al potere, al denaro, all'accaparramento di titoli e di dominio. A questi attacchi abbiamo risposto con il silenzio della verità e con la forza della Fede, con il nostro lavoro ed il nostro amore, tanto che dopo questi attacchi, il nostro Ordine è ancora più unito e forte. Le citate organizzazioni che ci hanno attaccati oggi non esistono più, e le persone che ne facevano parte sono totalmente disperse chissà dove e sicuramente staranno facendo danni in qualche altra parte. Anche l'ultimo, gravissimo attacco al nostro amatissimo Ordine e a chi indegnamente lo dirige è stato sventato poco tempo fa con l'ausilio della competente Magistratura, che dopo severe indagini e accertamenti di ogni tipo (e qui vogliamo ringraziare per la sua professionalità e rigore il Pubblico Ministero che ha condotto l'indagine) non ha potuto far altro che archiviare le infamanti accuse che ci erano state mosse, come non esistenti e non sussistenti. Sarà ora il Capitolo Generale ed il servizio legale dell'Ordine che decideranno eventuali querele per diffamazione aggravata e tutti gli altri reati che sono stati commessi contro l'Ordine e chi lo rappresenta. Anche se, come detto, abbiamo ben altro da fare che perdere il nostro tempo nelle aule dei tribunali. Decideremo.

Come detto noi non abbiamo nemici, né ci teniamo ad averne. Il detto "molti nemici, molto onore" non fa per noi ed è ormai fuori moda. Noi, invece di litigare, dobbiamo pensare a lavorare ed operare in modo continuo ed instancabile per la Gloria di Dio e non per la nostra. E' quello che abbiamo sempre fatto, che facciamo e che continueremo a fare, a dispetto di tutto e di tutti, nel Santissimo Nome di Gesù Cristo, al quale il nostro Ordine è stato ufficialmente consacrato il 4 maggio 2002 con una solenne e suggestiva cerimonia.

Ma quali sono i nostri intendimenti? Quelli possono essere letti nelle apposite pagine del nostro sito. Ma c'è un'altro grande nostro progetto, per il quale stiamo lavorando giorno e notte: l'unificazione vera e propria, sotto la gloriosa bandiera templare, di tutte le Chiese Cristiane, unità propugnata anche da Sua Santità San Giovanni Paolo II. Non a caso nel nostro Ordine sono presenti Cattolici, Protestanti, Ortodossi, Maroniti e via dicendo. Ma comunque Cristiani. E' un progetto difficile e vasto, ma non ci arrenderemo finché non sarà compiuto.

E nella nostra mente c'è un altro grande sogno, per dirla alla Martin Luther King. Che poi era il sogno dei nostri antichi confratelli templari. Ma questa è un'altra storia. Per chiarire ancora meglio, abbiamo pubblicato un estratto dallo Statuto dell'Ordine, Statuto depositato presso la competente Agenzia delle Entrate e all'Anagrafe Unica delle Onlus.

Che Dio Padre Onnipotente abbia pietà di tutti noi.

Estratto dallo Statuto dell'Ordine

Art. 2

L'Ordine si propone di promuovere opere di beneficenza, assistenza e sostegno a tutti i bisognosi, senza alcuna forma di lucro, portare la parola di Cristo ovunque, con ogni mezzo, oltre al ripristino dei valori della cavalleria medievale, nei modi e con le forme previsti dai successivi articoli dello Statuto e del successivo Regolamento.

 Art. 3

L'Ordine è costituito da associati che potranno essere chiamati Novizi, Novizie, Scudieri, Ancelle, Cavalieri e Dame, a seconda del sesso maschile o femminile.

L'Ordine è alla più totale e completa obbedienza e sottomissione a Santa Romana Chiesa Cattolica ed Apostolica e di Sua Santità il Papa.

Il numero dei Novizi, delle Novizie, degli Scudieri, delle Ancelle, dei Cavalieri e delle Dame non ha un limite prefissato. L'Ordine, in ogni caso, non potrà sussistere se il numero complessivo di cavalieri e dame non supera le 3 (tre) unità.

Art. 4

Il patrimonio dell'Ordine è costituito dai beni mobili ed immobili comunque acquisiti, dalle capitazioni degli associati, da eventuali lasciti e donazioni spontanee, contributi di terzi ed ogni altra eventuale entrata legalmente percepita.

L'Ordine si autofinanzia con diverse e molteplici attività culturali che possono di volta in volta essere stabilite dalle Assemblee degli Associati, che devono essere denominati Capitoli o Adunanze Capitolari dei Cavalieri e delle Dame.

L'Ordine non potrà avvalersi di entrate quando queste siano frutto di ben specificate attività a livello commerciale o tese comunque a fini di lucro.

Il bilancio annuale dell'Ordine, presentato secondo termini di legge, deve necessariamente chiudere in pareggio.

Art. 5

Tutti coloro che inoltreranno domanda per una eventuale adesione all'Ordine, dovranno attendere che il Capitolo deliberi sulla loro stessa ammissione. In ogni decisione e/o delibera, il Capitolo è sovrano in ogni sua forma ed accezione. Non sono ammessi nell'Ordine soggetti di età inferiore ai 18 (diciotto) anni. Posso entrare a far parte dell'Ordine tutti coloro che sono di Religione Cristiana. I componenti di altre Religioni non possono entrare in alcun caso a far parte dell'Ordine.