Una donna davvero non comune, una mente ed un'intelligenza senza pari. Una cultura immensa, un'ironia ed autoironia da vendere, insomma una donna eccezionale. Sono rimaste famosissime alcune sue partecipazioni televisive, come il suo "duello" con il "divino" Otelma ad una puntata di Domenica In sulla RAI parecchi anni fa. Antropologa di razza e persona preparatissima dal punto di vista sia culturale che di grandissima esperienza. Tantissime volte ci siamo sia sentiti per telefono che visti di persona, per parlare delle nostre esperienze e per un reciproco scambio di vedute, sia a livello antropologico che archeologico, oltre che psicologico. Grandissima esperta di sette sataniche e di riti esoterici, finissima esperta nel dipanare gomitoli e tele di ragno poste dai più smaliziati esoteristi. Donna che sapeva capire i risvolti della mente e le sue pieghe più recondite. Ecco perché siamo rimasti increduli quando nel luglio del 2005 siamo stati informati della sua prematura morte dovuta ad un suo incredibile quanto imprevedibile suicidio. Sapevamo che Cecilia era in preda ad una gravissima depressione, dovuta alla morte di suo figlio Massimiliano, portato via da una gravissima quanto fulminea malattia, ma non avremmo mai pensato che Cecilia arrivasse ad un gesto simile. Noi comunque siamo nulla per giudicare. Abbiamo sempre pensato, e ne siamo tuttora convinti, che a giudicare è Uno Solo. L'Altissimo. Noi possiamo al massimo esprimere un parere o un'opinione. Non di più. Ma siamo altrettanto convinti che il Signore, dall'Alto della Sua Misericordia, abbia perdonato l'insano gesto di Cecilia, e che lei ora sia nel Paradiso dei giusti. Ciao, cara Cecilia, ci rivedremo prima o poi. Quando il Signore lo deciderà, sempre che noi ne siamo degni.